English
riduci dimensioni caratteri aumenta dimensioni caratteri reset a dimensione standard

Con la passione e l’energia tipica dei giovani il progetto Cento Itinerari più Uno, promosso dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze in collaborazione con le scuole, le amministrazioni locali e la Regione Toscana, è arrivato a toccare l’interesse di chi ha a cuore i propri territori ed ha la curiosità di conoscerne dei nuovi. Destinata agli studenti delle scuole del Casentino e ai suoi giovani abitanti, l’iniziativa si è concretizzata, secondo un gioco di reciproco e ricco scambio, in un’esposizione al Castello dei Conti Guidi a Poppi che ha avuto per tema unificante la ricchezza artistica, culturale e di tradizione del Casentino coinvolgendo ogni genere di spettatore. Attraverso linguaggi e strumenti diversificati (cortometraggi, interviste, racconti di vita, pannelli illustrativi), i giovani si sono cimentati nella creazione di una visione personale ed esclusiva del proprio territorio incentrata sulla sua riscoperta e sulle molteplici risorse culturali presenti. I visitatori hanno potuto ripercorrere con sorpresa luoghi noti che si sono rivelati nuovi e insoliti, sotto la diversa prospettiva con la quale sono stati indagati. Per chi invece non conosce il Casentino, o non lo conosce appieno, l'iniziativa ha rappresentato una proficua occasione per comprenderne l’essenza e goderne le bellezze insieme a una serie di piacevoli e interessanti iniziative (itinerari in pullman, visite guidate gratuite, pubblicazioni etc.) oltre che per visitare il Castello dei Conti Guidi, fortino medievale signorile dal quale è possibile affacciarsi su uno dei più bei paesaggi del Casentino.

 

I Comuni coinvolti:

Bibbiena, Capolona, Castel Focognano, Castel San Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Ortignano Raggiolo, Pratovecchio, Poppi, Stia, Subbiano e Talla.

 

I concorsi scolastici:

Con lo scopo di stimolare nei ragazzi la curiosità verso il proprio territorio, incoraggiarli verso una fruizione più consapevole del patrimonio culturale ed invogliarli ad averne cura ed a contribuire alla sua valorizzazione, anche in questa edizione la partecipazione ai concorsi di Cento Itinerari più Uno ha offerto l'occasione di un profondo percorso di riflessione sulla cultura locale attraverso tre diversi bandi di concorso: per le scuole elementari, per le medie e per le superiori. Con l'aiuto di docenti e giovani professionisti, gli studenti sono stati chiamati ad elaborare nuove forme di racconto del territorio: dal linguaggio fotografico ai disegni, dalle videointerviste ai cortometraggi. Tutto il materiale è poi confluito nella mostra multimediale tenutasi a conclusione dell'anno scolastico presso il Castello dei Conti Guidi a Poppi (maggio - novembre 2012).

 

I seminari per gli insegnanti:

Grazie ad una serie di seminari ideati ad hoc e con l'aiuto di tutor specializzati, i docenti sono stati adeguatamente preparati a guidare gli studenti nelle attività previste dai concorsi: approfondimenti sulle nuove metodologie di didattica del territorio e aggiornamenti specifici sui nuovi linguaggi di comunicazione multimediale i principali argomenti trattati. Con l'aiuto di tutor specializzati, hanno guidato gli studenti nelle attività previste dai concorsi.

 

La mostra multimediale

L'esposizione multimediale della settima edizione del progetto Cento Itinerari più Uno ha avuto sede nel meraviglioso castello dei Conti Guidi a Poppi (20 maggio – 4 novembre 2012). Fiction, documentari, fotografie, memorie. Un prezioso caleidoscopio di immagini con cui 1000 studenti dei vari gradi scolastici hanno raccontato i segreti del loro Casentino. La mostra, articolata in una sezione dedicata agli studenti e una sezione documentaristica curata da specialisti del territorio, ha presentato il Casentino nei suoi vari aspetti geografico-storico-paesaggistici. Nella sezione riservata agli studenti, tra fotografie, disegni e ricerche spicca una serie di sei cortometraggi di vario soggetto (storia, costume, economia, sentimenti, immigrazione), tra i quali un incontro tra uno studente dei nostri tempi e un immaginario Dante Alighieri in fuga dopo la battaglia di Campaldino, e una vicenda ispirata alla vita di Wolfgang Fasser, psicoterapeuta cieco ormai celebre anche per la sua attività di guida notturna nei boschi del Casentino. In chiusura una sezione storica dedicata alle precedenti sei edizioni di 100 itinerari + 1: Empolese Valdelsa, Chianti, Valdarno, Mugello e Val di Sieve, Piana e colline di Firenze, Val di
Chiana, ossia la prima edizione realizzata in provincia di Arezzo.

La sede, il Castello dei Conti Guidi, è il monumento più emblematico del Casentino. La sua costruzione risale al 1191. L'edificio è stato ristrutturato a partire dal 1274 per volontà del Conte Simone Guidi e di suo figlio Guido. Maniero imponente e bastionato, il castello si innalza davanti alla piana dove l' 11 giugno 1289 si svolse la battaglia di Campaldino fra i Guelfi fiorentini, fra cui figurò Dante Alighieri, e i Ghibellini di Arezzo.

In occasione della mostra è stata realizzata una CARD 100+1 gratuita e valida da maggio a novembre 2012. Ai possessori della card sono riservate tantissime agevolazioni: speciali visite guidate e laboratori, convenzioni con i musei del territorio e sconto del 10% nei ristoranti, alberghi ed esercizi commerciali che hanno aderito alla convenzione.

 

 >> Guarda la photo-gallery

 

I prodotti editoriali

La nuova Guida "Il Casentino. Territorio, storia e viaggi"

La Piccola Grande Guida "Il Casentino da scoprire"

Il dvd "Vivo in Val di Chiana tra storia, arte e natura"

 

I destinatari raggiunti

Alla settima edizione del progetto hanno partecipato complessivamente 41 scuole: 24 elementari, 9 medie inferiori e 8 tra licei e istituti tecnici di vario tipo, con un coinvolgimento totale di oltre 1000 ragazzi.

 

Top page